Progetto CHI SONO

....I suoi sassi dipinti e accostati formando volti umani, da vicino sono isole, a ricordarci la condizione con cui l'uomo, oggi sempre più solitario ed isolato, affronta la propria esistenza. Un uomo che ricostruisce la propria integrità di senso attraverso i sensi, prevalentemente: vista (occhi), olfatto (naso), gusto (bocca). A volte solo occhi. Lo sguardo sull'altro e sul mondo che, per Picciolini, viene dal mare. Un mare del Sud d'Europa a cui l'artista ritorna dopo tanti anni passati oltre le Alpi....

....A volte i sassi giacciono in fondo a delle teche di acqua. Altre volte si compongono su fondo bianco dentro una cornice a cassetta. Alcune di queste cassette richiamano quelle del Nuovo realismo, le accumulazioni di Arman, e alcune serie dell'Arte povera, le nature di Gilardi. La forma della natura e del suo generare e costituire l'uomo, da Arcimboldo a Kiefer, che ha fortemente ispirato le opere di Picciolini...

- a cura di Mercedes Auteri vai al menù, PARLANO DI ME -